Stampa
Categoria: Didattica
Visite: 2639

Esame di stato 2014-2015

Indirizzo: ITIA-INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

ARTICOLAZIONE INFORMATICA

Tema di: INFORMATICA

SOLUZIONE (scarica la traccia)

 


 

IPOTESI AGGIUNTIVE

Essendo lo sviluppo completo della traccia a livello professionale non realizzabile in 6 ore si fanno le seguenti assunzioni semplificative:

1-ANALISI DELLA REALTA’ DI RIFERIMENTO, POSSIBILI SOLUZIONI, MOTIVAZIONE DELLA SOLUZIONE SCELTA

Si possono prendere come riferimento le varie comunity che si sono succedute negli anni come: myspace, mymusic o le pagine Facebook.

Come modello di “informazione” circa gli eventi si possono prendere le pagine del comune di Torino sui concerti o di TiketOne o di Torinosette. Quest’ultima forse è la più simile al modello proposto dal testo.

Il tipo di approccio è senza dubbio una web application che può essere sviluppata mediante un CMS (Wordpress, Drupal, Joomla) integrato con plugin personalizzati o mediante un progetto ex-novo

Per semplicità si opta per la seconda soluzione.

Si adottano, al fine di contenere i costi, le seguenti soluzioni:

Web hosting: Altervista.org (gratuito) che offre la seguenti tecnologie:

Ricerca su web di un Template gratuito di tipo responsive con Intestazione, struttura a due/tre colonne nel corpo centrale e pie’ pagina

Sviluppo in locale:

2-SCHEMA CONCETTUALE DELLA BASE DI DATI

Modello E/R

Relazioni:

SEGUE: Un utente può scegliere più categorie. Ogni categoria può essere abbinata a più utenti. Rel. N-M

POST: Un utente scrive 0 o più commenti ad uno o più eventi. Un evento può avere uno o più commenti/voti. Rel. N-N

COLLEGA: Un utente può inserire 1 o più eventi. Un evento appartiene ad un singolo utente. Rel. 1-N

OSPITA: Un evento può ospitare diversi artisti. Un artista può partecipare a più eventi. Rel. N-M

SI SVOLGE: Nello stesso luogo si possono svolgere più eventi (in date diverse). Un dato evento si svolge in un unico luogo. Rel. 1-N

APPARTIENE: Un dato evento appartiene ad una sola categoria. Ci possono essere più eventi diversi appartenenti alla medesima categoria. Rel. 1-N

3-SCHEMA LOGICO

 

UTENTI (id, nome, cognome, nickname, password, email) –Contiene gli utenti registrati

UTENTI_CATEGORIE(id_utente,id_categoria) – Associazione N-N tra le due entità. Vedi nota (1)

CATEGORIE(id, nome) – Elenco delle categorie (Musica, Teatro, Balletto, ecc.)

POST (id, data, commento, voto, id_utenteFK, id_eventoFK) – Memorizzazione dei commenti agli eventi

EVENTI(id, titolo, data, ora, descrizione, id_categoriaFK, id_utenteFK, id_luogoFK)-Memorizza evento

LUOGO (id, nome, indirizzo, citta’, prov, telefono) – Luogo in cui si svolge l’evento

ARTISTI (id, nome, scheda, foto) – Elenco degli artisti che partecipano agli eventi

ARTISTA_EVENTO (id_evento, id_artista) – Associazione N-N tra le due entità . vedi nota (2)

Note:

1.Traduce la relazione N-N tra le entità UTENTI e CATEGORIE. Rappresenta il rombo “Segue”

2. Traduce l’associazione N-N tra le entità EVENTI e ARTISTI. Rappresenta il rombo “Ospita”

Schema con relazioni (da phpMyAdmin)

4-DEFINIZIONE IN SQL DI UN SOTTOINSIEME DELLE RELAZIONI DELLA BASE DI DATI CON VINCOLI DI INTEGRITA’ REFERENZIALE E/O DI DOMINIO

Si riportano a titolo di esempio lo sviluppo di tre tabelle:

TABELLA UTENTI

TABELLA POST

TABELLA EVENTI

CREATE TABLE utenti (

  id int(11) NOT NULL AUTO_INCREMENT,

  nome varchar(50) NOT NULL,

  cognome varchar(50) NOT NULL,

  nickname varchar(30) NOT NULL,

  `password` varchar(20) NOT NULL,

  email varchar(50) NOT NULL,

  PRIMARY KEY (id)

) ENGINE=InnoDB;

 

CREATE TABLE post (

  id int(11) NOT NULL AUTO_INCREMENT,

  `data` date NOT NULL,

  commento varchar(2000) NOT NULL,

  voto int(11) NOT NULL,

  id_utenteFK int(11) NOT NULL,

  id_eventoFK int(11) NOT NULL,

  PRIMARY KEY (id),

  KEY id (id),

  KEY id_utenteFK (id_utenteFK),

  KEY id_eventoFK (id_eventoFK)

) ENGINE=InnoDB

CREATE TABLE eventi (

  id int(11) NOT NULL AUTO_INCREMENT,

  titolo varchar(50) NOT NULL,

  descrizione varchar(500) NOT NULL,

  `data` date NOT NULL,

  ora varchar(5) NOT NULL,

  id_categoriaFK int(11) NOT NULL,

  id_utenteFK int(11) NOT NULL,

  id_luogoFK int(11) NOT NULL,

  PRIMARY KEY (id),

  KEY id (id),

  KEY id_categoriaFK (id_categoriaFK),

  KEY id_utenteFK (id_utenteFK),

  KEY id_luogoFK (id_luogoFK)

) ENGINE=InnoDB

 

RELAZIONE ED INTEGRITA REFERENZIALE TRA LE TABELLE RIFERITA ALLA TABELLA POST

ALTER TABLE post

ADD CONSTRAINT post_ibfk_2 FOREIGN KEY (id_eventoFK) REFERENCES `eventi` (id) ON DELETE CASCADE ON UPDATE CASCADE,

ADD CONSTRAINT post_ibfk_1 FOREIGN KEY (id_utenteFK) REFERENCES utenti (id) ON DELETE CASCADE ON UPDATE CASCADE;

 

NOTA: In MySQL per realizzare le relazioni è necessario che tutte le chiavi esterne siano indicizzate (KEY…) e che tutte le tabelle siano di tipo InnoDB

 

5-INTERROGAZIONI IN LINGUAGGIO SQL

a)      Elenco degli eventi già svolti, in ordine alfabetico di provincia.

Nell’ipotesi che la query venga fatta il giorno: 18 giugno 2015

SELECT titolo, data, prov

FROM eventi, luogo

WHERE eventi.`id_luogoFK` = luogo.id

AND eventi.`data` < "2015-06-18"

ORDER BY prov

 

b)      Elenco dei membri che non hanno mai inserito un commento

SELECT nome, cognome

FROM utenti, post

WHERE post.id_utenteFK <> utenti.id

 

c)       Per ogni evento il voto medio ottenuto in ordine di categoria e titolo

 

SELECT titolo,nome as "categoria", avg(post.voto) as "Voto medio" FROM eventi, post, categorie

WHERE post.id_eventoFK=eventi.id

AND eventi.id_categoriaFK=categorie.id

GROUP BY eventi.id

ORDER BY categorie.nome, eventi.titolo

 

d)      I dati dell’utente che ha registrato il maggior numero di eventi

Questa query si compone di due parti:

 

1)      si crea una vista con il conteggio degli eventi registrati da ogni utente

 

CREATE VIEW eventi_x_utente AS SELECT nome, cognome, email, count( id_utenteFK ) AS "num_eventi"

FROM eventi, utenti

WHERE utenti.id = eventi.id_utenteFK

GROUP BY id_utenteFK

 

2)      si estrae il massimo dalla vista

 

SELECT nome, cognome, email, max( num_eventi ) AS "tot_eventi"

FROM eventi_x_utente

 

si può poi cancellare la vista con : DROP VIEW eventi_x_utente

 

OPPURE, MOLTO PIU’ SEMPLICEMENTE:

 

SELECT nome, cognome, email, count( id_utenteFK ) AS "num_eventi"

FROM eventi, utenti

WHERE utenti.id = eventi.id_utenteFK

GROUP BY id_utenteFK

ORDER BY num_eventi DESC

LIMIT 1

 

6-PROGETTO DELL’INTERFACCIA WEB CHE PERMETTA ALL’UTENTE REGISTRATO DI SVOLGERE OPERAZIONI SPECIFICHE

 

LOGO E NOME DEL SITO  

BARRA MENU: HOME-LOGIN/LOGOUT,-REGISTRATI-RICERCA EVENTO(2)-CONTATTI-…..

MENU UTENTE (1)

Mario Rossi(Esci)

Profilo

I miei eventi

I mie artisti

I miei luoghi

Inser. Luogo

Inser. Artista

Inser. Evento

PAGINA INSERIMENTO EVENTO (3)

Titolo evento: [casella di testo] – Data evento: [casella con calendario]

Ora inizio: [casella di testo] – Categoria: [select](a)

Luogo: [select](b) – Descrizione: [text area]

Artisti:

ora inizio[text] – Artista: [select](c)

ora inizio[text] – Artista: [select](c)

ora inizio[text] – Artista: [select](c)

….(max 10 artisti)

 

[INVIA] [CANCELLA] (d)

BANNER

NEWS

ALTRO

 

Essendo il codice lungo e complesso non è possibile in questa sede darne un esempio

NOTE:

1)      Menu utente: compare dopo il login.

  1. Profilo: permette la modifica di email, pw o altri dati dell’utente
  2. I miei eventi: elenco degli eventi inseriti dall’utente con possibilità (mediante 3 link) di dettaglio, modifica dati o cancellazione
  3. I mie artisti: come punto b ma per gli artisti. La cancellazione è possibile solo se l’artista non è inserito in alcun evento
  4. I miei luoghi: come punto c ma per i luoghi dove si svolge l’evento. No cancellazione luogo se utilizzato in un evento
  5. Inserimento Luogo: form per inserimento dati del luogo (nome, indirizzo, città, ecc)
  6. Inserimento Artista: form ins. dati dell’artista (nome, scheda, foto)
  7. Inserimento evento: form dati evento (titolo, descrizione, data, ora, ecc)
  8. Il logout si puo fare mediante il link “Esci” o dalla barra di navigazione (LOGOUT)

2)      Inserimento POST mediante RICERCA EVENTI: Utilizzando la normale ricerca eventi disponibile sulla barra dei menù e visualizzando il dettaglio dell’evento, se l’utente è autenticato, sotto il dettaglio comparirà la possibilità di inserire un commento e dare il voto. Se invece l’evento visualizzato dalla ricerca appartiene all’utente al posto del commento/voto ci saranno i link per la modifica/cancellazione. La modifica o cancellazione dell’evento è possibile solo se l’evento deve ancora svolgersi

3)      Esempio di form per la registrazione evento. Prima di registrare l’evento l’utente deve inserire il luogo e gli artisti con le apposite voci di menu. Tutti i campi sono obbligatori e controllati mediante JS prima dell’invio del modulo. Si possono inserire al max. 10 artisti (minimo 1)

  1. La select delle categorie si autopopola dalla tabella categorie
  2. La select dei luoghi mostra tutti i luoghi memorizzati nella tabella LUOGO (nome-città-prov) per una selezione facile e veloce
  3. La select Arista mostra tutti gli artisti presenti nella corrispondente tabella del database

Pulsanti per l’invio dei dati o la cancellazione del form

7-CODIFICA IN UN LINGUAGGIO A SCELTA DI UN SEGMENTO SIGNIFICATIVO DELL’APP. WEB CHE CONSENTE L’INTERAZIONE CON LA BASE DEI DATI

 

LOGIN: Il form presenta due caselle di testo ed un pulsante. I dati vengono spediti solo se i campi non sono vuoti . Il file di controllo in PHP preleva i dati dal form ed interroga il database. Se l’utente viene trovato si avvia una sessione e si memorizzano i dati dell’utente nella sessione, altrimenti si è reindirizzati ad una pagina di errore

File: form_login.html (si omette per brevità la parte dei controlli e tutto il resto dell’HTML).

<form action="controllo_login.php" name="form_login" id="id_login" method="post" onSubmit="return controlloLogin();">

Utente: <input type="text" name="user" value="" />

Password: <input type="password" name="pw" value="" />

<input type="submit" name="accedi" value="Login" /><p> <br> </p>

</form>

 

File: controllo_login.php (si omette per brevità una parte dei controlli)

<?php

//Recupera dati dal form

$userName=$_POST['user'];

$password=$_POST['pw'];

//Interroga il database per verificare l'utente

//Connessione al database MySQL

$host="localhost";

$user="root";

$pw="";

$cn=mysql_connect($host,$user,$pw) or die("connessione impossibile");

//Definizione del database

$nome_db="eventi";

mysql_select_db($nome_db,$cn);

$sql="SELECT * FROM utenti where nickname='$userName' AND password='$password'";

$risposta=mysql_query($sql)or die(mysql_error ());

$num_righe= mysql_num_rows($risposta);

if($num_righe!=1){

header('Location: view.php?id=6');//pagina gestione "Errore!";

exit;

}

//Utente autenticato;

//Crea la sessione

if(!isset($_SESSION['start'])) {session_start(); //creo la sessione}

$_SESSION['start']=true;

$_SESSION['datiUtente']=mysql_fetch_array($risposta);

header('Location: view.php');//Pagina utente autenticato

exit;

?>

SOLUZIONE SECONDA PARTE


 

I PUNTO-INTEGRAZIONE SCHEMA CONCETTUALE PER GESTIONE BANNER PUBBLICITARIO COLLEGATO A PIU’ CATEGORIE ED ALLE PAGINE VISITATE DAGLI UTENTI (INTERESSI)

Si può aggiungere una nuova entità (BANNER) collegata con l’entità CATEGORIE da una relazione N-N

Lo schema logico sarà il seguente:

BANNER (id, testo, link, immagine) – Contiene i riferimenti della pubblicità

CATEGORIA_BANNERE (id_categoria, id_banner) – Realizza la relazione N-N tra le due entità

La personalizzazione delle pubblicità può avvenire mediante l’uso dei cookie. Il sistema invia all’utente uno o più cookie nel quale memorizza informazioni circa le pagine visitate (e quindi gli interessi e le categorie di riferimento). Ad ogni nuova pagina richiesta analizza il cookie e seleziona (in base alla preferenze rilevate dal cookie) uno dei banner disponibili in quel contesto in modalità casuale (random ).

 

II PUNTO-LAYOUT GRAFICO COMUNE A TUTTE LE PAGINE WEB CON PARZIALE CODIFICA DI ALCUNE PARTI

                Come detto in premessa, tutte le pagine del sito avranno una struttura simile alla seguente:

Intestazione: Logo, nome sito, ricerca globale, slide show

Barra di navigazione: HOME – LOGIN- REGISTRATI-EVENTI-CONTATTI-COLLABORA CON NOI

Colonna sinistra

MENU UTENTE

LOGIN

LINK

INFO VARIE

Colonna centrale (corpo principale)

NEWS – ARTICOLI- RISULTATI DELLE RICERCHE- VARI FORM INSERIMENTI-FOTO-ECC

Colonna destra

 

Pie’ pagina: MAPPA SITO, CREDITS, LINK VARI, WEBMASTER, POSTA

 

Ogni pagina del sito avrà una struttura HTM/CSS come quella riportata sotto.

Pagina HTML

<html>

<head>

<title>Eventi Live</title>

<link rel="stylesheet" type="text/css" href="/jm/css/style.css" />

<script type="text/javascript" src="/jm/js/controlli.js"></script>

</head>

<body>

<div id="main_container">

<div id="header">

INTESTAZIONE: LOGO, NOME DEL SITO, EVENTUALE SLIDE SHOW CON EVENTI FOTO DI  EVENTI IMMINENTI, RICERCA GLOBALE NEL SITO

</div>

<div id="main_content">

CORPO CENTRALE. CONTIENE: BARRA DI NAVIGAZIONE ORIZZONTALE, LAYOUT A TRE COLONNE (COLONNA SX, CORPO CENTRALE, COLONNA DX)

   <div id="menu_tab">

     BARRA DI NAVIGAZIONE CON I LINK   

   </div>

   <!-- FINE BARRA MENU ORIZZONTALE -->

   <div class="left_content">

      CONTENUTI COLONNA SINISTRA

   </div>

   <!-- FINE COLONNA SINISTRA -->

   <div class="center_content">

      CONTENUTI COLONNA CENTRALE (CORPO PRINCIPALE DEI CONTENUTI)    

   </div>

   <!-- FINE DEL CORPO CENTRALE -->

   <div class="right_content">   

      CONTENUTI COLONNA DESTRA      

   </div>

   <!-- fine colonna sinistra -->

</div>

<!-- fine del main content -->

<div class="footer">

CONTENUTI PIE' PAGINA (CREDENZIALI, WEB MASTER, MAPPA SITO, RIFERIMENTI, ECC)  

</div>

<!-- fine del main_container -->

</body>

</html>

Mentre il file style.css che realizza il layout potrebbe essere simile a questo.

body

{

background: url(images/bg.jpg) no-repeat #fff center top;

padding:0;

font-family:Arial, Helvetica, sans-serif;

font-size:11px;

margin:0px auto auto auto;

color:#000;

}

#main_container{

width:1000px;

height:auto;

margin:auto;

padding:0px;

}

#header{

width:1000px;

height:173px;

background: url(images/header_bg.jpg) no-repeat center;

background-position:0px 0px;

margin:auto;

}

#main_content{

clear:both;

}

/*---------------- menu tab----------------------*/

#menu_tab{

width:1000px;

height:50px;

background-color:#fff;

}

/*-------------left_content------------------*/

.left_content{

width:196px;

float:left;

}

/*center content--------------------------*/

.center_content{

width:585px;

float:left;

padding:5px 10px;

}

/*----------------------right content--------------*/

.right_content{

width:196px;

float:left;

padding:5px 0 0 0;

}

/*--------------footer----------------*/

.footer{

width:1000px;

clear:both;

height:65px;

background: url(images/footer_bg.gif) repeat-x top;

}

 

III PUNTO-TRASFORMAZIONE TABELLA IN 3FN

Supponendo come chiave primaria: nome,cognome e telefono, gli attributi: Livello, Tel-tutor e Tutor non dipendono esclusivamente dalla chiave primaria ma, ad esempio, l’attr. Tel-tutor dipende dal Tutor (due non-chavi) cosi come il Livello è legato al tipo di corso e non alla persona.

Per essere in 3NF la tabella andrebbe scomposta così:

CLIENTE(ID, COGNOME, NOME, TEL) - Contiene i clienti dei vari corsi

ASSOCIATO (LIVELLO, ANTICIPO, ID_CLIENTE, ID_TUTOR) -  Associazione cliente-tutor. Rel. N-N

TUTOR (ID, NOME,TEL) - Contiene l’elenco dei tutor

 

IV PUNTO-CARDINALITA’ SIGNIFICATO E CASISTICA

 

Per ogni entità partecipante ad una relazione viene specificata una cardinalità di relazione. Essa è una coppia di numeri naturali che specifica il numero minimo e massimo di istanze di relazione a cui una istanza dell'entità può partecipare. E' possibile indicare con la costante N un numero generico maggiore di uno quando la cardinalità non è nota con precisione. Nel diagramma ER, la cardinalità di relazione di una entità etichetta l'arco che lega l'entità alla relazione.

 

Definizione.: La cardinalità dell’associazione indica il numero di istanze dell’entità di arrivo che si associano all’istanza dell’entità di partenza.

La cardinalità può essere a uno oppure a molti e pertanto le associazioni tra due entità si classificano nei seguenti tipi:

 

Un’associazione si dice uno a uno e si indica con 1:1 quando ogni istanza della prima entità si deve associare ad una sola istanza della seconda entità e viceversa

 

Un’associazione si dice uno a molti e si indica con 1:N quando ogni istanza della prima entità si può associare a una o più istanze della seconda entità, mentre ad ogni istanza della seconda entità si deve associare una sola istanza della prima.

 

Un’associazione si dice molti a molti e si indica con N:N se ad ogni istanza della prima entità si possono associare una o più istanze della seconda entità e ad ogni istanza della seconda entità si possono associare una o più istanza della prima.

 

La partecipazione di un’entità all’associazione può essere obbligatoria quando il legame tra le entità deve essere sempre presente, facoltativa(opzionale) quando può essere presente

 

Parte facoltativa del punto IV

Seguono alcuni esempi:

In questo caso un teatro ha nessun, uno o molti spazi teatrali e uno spazio teatrale ha uno o più teatri associati. Questo tipo di relazione in cui entrambe le cardinalità massime sono maggiori di uno si chiama molti a molti. La partecipazione dell'entità teatro si dice opzionale (cardinalità minima uguale a zero) e la partecipazione dell'entità spazio teatrale si dice obbligatoria (cardinalità minima uguale a uno).

In questo caso un teatro ha nessun, uno o molti spazi teatrali e uno spazio teatrale ha esattamente un teatro associato. Dunque non vi sono spazi condivisi da più teatri. Questo tipo di relazione in cui una cardinalità massima è pari a uno e l'altra è maggiore di uno si chiama uno a molti.

In questo caso un teatro ha nessun o uno spazio teatrale e uno spazio teatrale ha esattamente un teatro associato. Dunque non vi sono teatri con più spazi e neppure spazi condivisi da più teatri. Questo tipo di relazione in cui entrambe le cardinalità massime sono uguali a uno si chiama uno a uno.

Di seguito proponiamo un esempio di relazione ricorsiva con ruoli e cardinalità. Ogni persona ha esattamente un padre e zero o più figli:

Infine mostriamo un esempio di relazione ternaria con cardinalità:

Si ricordi che la cardinalità di una entità si riferisce al numero di istanze della relazione a cui quella entità può partecipare. Ad esempio, nel caso di fornitore, la cardinalità si riferisce al numero di coppie prodotto e dipartimento che il fornitore rifornisce. Dunque una cardinalità massima pari a uno per l'entità fornitore si ha quando un fornitore rifornisce un solo dipartimento di un solo prodotto.

 

Regole di lettura:

Ogni <nome entità di partenza>può|deve<nome associazione>un solo|uno o più<nome entità di arrivo>

Es.: Ogni fornitore deve fornire uno o più prodotti

 

Regole di derivazione delle associazioni da modello E/R a modello logico relazionale:

Qui si potevano fare eventuali esempi esplicativi

 Scarica articolo in PDF

Scarica database MySQL dell'esempio

 

 Una soluzione alternativa dal sito skuola.net